Malo (Campi Bisenzio), il 28 marzo nuova mobilitazione

Malo (Campi Bisenzio), continuano gli scioperi. Domani a Campi Bisenzio incontro col sindaco e presidio dalle 16 alle 17. Stessa iniziativa a Piacenza. I sindacati: “Non c’è chiarezza. Temiamo che la proprietà non stia rispettando nemmeno il piano concordatario”

Continuano gli scioperi alla Malo. Domani, mercoledi 28 marzo, si asterranno dal lavoro le maestranze delle due sedi aziendali di Campi Bisenzio (FI) e Borgonovo Val Tidone (PC).
Ogni settimana la situazione dell’azienda diventa sempre più incerta e nonostante la richiesta di riattivazione del tavolo dell’Unità di crisi con le Regioni Toscana e Emilia Romagna, da parte di Filctem-Cgil e Femca-Cisl, i sindacati non riescono ad avere chiarezza sul futuro.
“Temiamo che la propietà non stia rispettando neanche gli impegni del Piano concordatario” denunciano Massimo Tarenchi e Monica Biagiotti (Filctem-Cgil) e Mirko Zacchei (Femca-Cisl). “L’unico piano che sembra andare avanti – aggiungono i sindacalisti – è quello dell’utilizzo della cassa integrazione, ogni settimana, sempre più corposo, per la mancanza della liquidità necessaria all’approvvigionamento del filato.”
Per questo Femca e Filctem hanno deciso di dare corso ad una nuova mobilitazione, con due iniziative di sciopero che si svolgeranno nella giornata di domani mercoledì 28 marzo; i primi ad astenersi dal lavoro saranno i lavoratori della sede di Borgonovo Val Tidone, con quattro ore e mezza di sciopero dalle ore 8.30 alle ore 12.00. Nel pomeriggio sarà il turno dei lavoratori della sede di Campi Bisenzio, che sciopereranno due ore dalle ore 16.00 alle 18.00.
Nel corso delle iniziative di sciopero sono stati organizzati due incontri con i sindaci dei comuni sede degli stabilimenti aziendali, che avranno luogo presso le rispettive sedi comunali di Borgonovo e Campi, con due presidi dei lavoratori fuori dai palazzi comunali, dalle ore 10.00 alle 12.00 per Borgonovo e delle ore 16.00 alle 17.00 per Campi Bisenzio.

  Share: