Tav Firenze, il 26 marzo nuovo sciopero e presidio

La Regione Toscana è disponibile a coordinare un tavolo sulla vicenda del cantiere Tav di Firenze, dove i lavoratori di Nodavia-Condotte sono senza stipendio e senza certezze sui tempi di ripresa delle attività. Gianfranco Simoncini, consigliere per il lavoro del governatore Enrico Rossi, che incontrando oggi i sindacati (Cgil-CislUil di categoria) ha comunicato loro la disponibilità della Regione. Dopo l’incontro, i lavoratori che avevano dato vita a un presidio fuori da Palazzo Strozzi Sacrati si sono riuniti in assemblea, decidendo di non scioperare nella giornata di domani, e di fare sciopero e presidio lunedì dalle 10.30 davanti alla Prefettura di Firenze, luogo di un nuovo incontro a cui, oltre a sindacati e istituzioni, parteciperanno anche i rappresentanti di Nodavia e Rfi.

(fonte: Ansa)

  Share: