Bassilichi, i comunicati Filcams-Fisac-Unisin

IL 26-4-2018 si sono incontrati a Firenze Fiom Nazionale, Fim Nazionale, Filcams Nazionale, Fisac Nazionale e Unisin Nazionale, riunendo il Coordinamento Unitario Nazionale Bassilichi Spa-
Gruppo Nexi.
Il Coordinamento ha ribadito con forza, come già fatto presente ai tavoli dove è stato illustrato un processo di profonda ristrutturazione aziendale, che tale riorganizzazione, in riferimento alla quale non esiste ad oggi alcun Piano Industriale concreto, deve essere affrontata su un unico tavolo alla presenza di tutti i CCNL applicati.
Nella riunione, il Coordinamento, ha riassunto le garanzie imprescindibili che dovranno essere formalizzate all’interno di un accordo quadro complessivo:
– Mantenimento dei CCNL di riferimento e delle condizioni normative ed economiche
– Garanzie pluriennali sulla tenuta occupazionale e clausola di salvaguardia con reintegro
sulla capogruppo, in caso di procedure di riduzione del personale
– Garanzie pluriennali sulle commesse per tutte le entità
– Trasparenza sugli aspetti proprietari della Newco nella quale confluirà la parte del Contact
Center e impegni di Bassilichi Spa-Nexi al riguardo
– Mantenimento pluriennale delle sedi produttive a garanzia dei lavoratori
Le OO.SS. ribadiscono la volontà che le aziende coinvolte, sia Nexi che Bassilichi spa, si assumano le proprie responsabilità al tavolo di trattiva, dando risposte concrete a quanto richiesto.
In mancanza di un tavolo unico e/o in presente di azioni unilaterali, le OO.SS. agiranno con ogni strumento a disposizione, anche legale.

Firmato: Fiom Nazionale- Fim Nazionale -Filcams Nazionale-Fisac Nazionale-Unisin Nazionale

“Bassilichi vuole dividere l’azienda in tre parti senza piano industriale e senza garanzie reali”

Il giorno 18/04/2018, si è tenuto l’incontro presso Bassilichi Firenze a tavoli disgiunti con Filcams per il commercio,  Fisac Cgil e Unisin per il credito (il giorno prima con i metalmeccanici) per affrontare il tema della divisione dell’azienda in 3 parti e la futura apertura di una procedura di licenziamento collettivo volontaria per circa 100 lavoratori.

Nella prima  società confluirebbero circa 240 addetti in una società denominata Ausilia S.r.l, che sarà attiva nel settore delle back office bancario, capogruppo di Fruendo Srl (ex back office del Monte dei Paschi di Siena). La seconda parte confluirebbe con circa 250 addetti in una Newco (iniziale proprietà Bassilichi al 100%)che sarà attiva nel settore del Contact Center, ambito nel quale viene prestata, ad esempio, assistenza tecnica agli esercenti sui terminali POS. La terza parte rimarrebbe nel perimetro Bassilichi diventando presidio NEXI, a completamento del piano di ristrutturazione.

Più volte e persino con richiesta scritta, le tre categorie  hanno chiesto di affrontare queste operazioni di  suddivisione da parte dell’azienda congiuntamente su un unico tavolo, in quanto i lavoratori che dovranno far parte della Nuova Azienda provengono da i 3 CCNL seguiti appunto da Metalmeccanici, Commercio e Credito. 

L’azienda non ha intenzione di unire i tavoli e questa scelta preoccupa molto il sindacato.

Per comprendere le finalità  di tale operazione è stato chiesto all’incontro il Piano industriale della nuova azienda, senza un risultato in merito se non delle linee guide di intenzione, dichiarando che questa azione servirà alla Bassilichi per essere più competitiva sul mercato del settore dei Call Center e di Back Office sia per la partecipata Nexi che per i concorrenti di questo mercato.

Ormai da anni la Bassilichi, ha modificato il proprio assetto societario ma mai senza fornire un piano industriale strutturato. Dalle linee guide si evincono tutele per i lavoratori interessati circa la cessione nelle nuove aziende per un massimo di 12 mesi per garanzie occupazionali e territoriali, insufficienti a far vivere ai lavoratori con fiducia tale proposta. Per non parlare delle commesse per la Newco del Contact Center garantite per un massimo di 24 mesi!!

Le Organizzazioni sindacali hanno richiesto fin da subito l’assunzione di responsabilità non solo a Bassilichi stessa, ma anche alla controllante NEXI (che si candida ad essere il primo Player Nazionale nel settore dei pagamenti digitali). 

“Con l’acquisizione di giugno 2017, erano state prospettate ampie possibilità di sviluppo mentre oggi si è intrapresa la direzione opposta, ovvero l’allontanamento dal perimetro NEXI di centinaia di lavoratori e di attività del core business.”

Filcams ,Fisac  e Unisin sono molto preoccupati per il modo in cui vengono date le informazioni mirato ad indebolire il fronte sindacale con i  tavoli disgiunti , per le poco chiare indicazioni sul mantenimento del Ccnl di riferimento  e per le mancate garanzie per il futuro delle società,  caratteristiche di un Piano Industriale mai consegnato.  

Per questo, forti del sostegno dei lavoratori, siamo pronti a mettere in campo tutte le azioni necessarie che vadano verso la risoluzione della vertenza con l’ottenimento di garanzie reali  e la dichiarazione unanime di tutte le rappresentanze dei lavoratori.

COORDINAMENTI NAZIONALI E AZIENDALI

 FILCAMS CGIL   FISAC CGIL    UNISIN

  Share: