Sarà venduto il cementificio di Greve: l’allarme Fillea Cgil

Il Cementificio Ital Sacci (Greve in Chianti) sarà venduto. L’allarme Fillea Cgil Firenze: “Vogliono chiuderlo? Dovranno fare i conti con lavoratori e territorio”. Sarà proclamato lo stato di agitazione, in arrivo mobilitazioni dei lavoratori

L’Ital Sacci, controllata da Italcementi, ha avviato la procedura di cessione di ramo d’azienda che vede coinvolto lo stabilimento di Testi a Greve in Chianti (oltre 70 lavoratori), che sarebbe venduto a una Srl. Il commento di Marco Carletti (segretario generale Fillea Cgil Firenze): “Si tratta di una decisione totalmente inaspettata, di cui siamo venuti a conoscenza: questo significa chiudere il cementificio di Greve, l’unico in Toscana che lavora a ciclo continuo? Temiamo che l’obiettivo sia quello di disfarsi di una fabbrica che per anni, con diverse proprietà, non ha mai visto i necessari investimenti, e che ha sofferto per la scarsità di investimenti per i cantieri delle infrastrutture in questo territorio. Siamo assolutamente contrari alla scelta dell’azienda, indiremo subito lo stato di agitazione e concorderemo con i lavoratori e le istituzioni iniziative di mobilitazione. Se vogliono chiudere il cementificio dovranno fare i conti con noi, i lavoratori e il territorio”.

  Share: