Morto sul lavoro a Castelfiorentino, la Cgil: “Inaccettabile”

Operaio morto: 2 indagati per omicidio colposo, anche zio Disposta autopsia. Verifiche se impiegato al ‘nero’

Due persone sono indagate, con l’accusa di omicidio colposo con violazione delle norme sugli infortuni sul lavoro, per la morte dell’operaio albanese di 27 anni, deceduto ieri mattina precipitando dal tetto di un’ex azienda vetraria a Castelfiorentino (Firenze) mentre eseguiva lavori di posa di catrame. Sulla copertura si è verificato anche un incendio al momento dell’incidente. Secondo quanto appreso, l’operaio non risulterebbe essere dipendente di alcuna ditta: si sta verificando se fosse stato impiegato al ‘nero’. Sul registro degli indagati sono finite le due persone che si trovavano con lui presso il capannone per effettuare i lavori, considerate i suoi presunti capi: suo zio, un 45enne albanese, e un 65enne originario di Reggio Calabria. Il pm Sandro Cutrignelli ha disposto l’autopsia sul corpo del 27enne, che sarà eseguita lunedì prossimo. Sull’episodio sono in corso ulteriori accertamenti, anche per ricostruire eventuali responsabilità a carico della proprietà del capannone.(ANSA).
=============================
Castel Fiorentino: 27 anni stendeva catrame su un tetto, si è incendiato, è precipitato ed è morto. Cgil, inaccettabile!

Un altro morto sul lavoro, inaccettabile. La Cgil di Firenze esprime forte preoccupazione per l’ennesimo morto sul lavoro e vicinanza ai familiari del giovane lavoratore.
Episodi come questo confermano che ancora ad oggi i livelli di sicurezza sul lavoro sono ben lontani rispetto alla salvaguardia della vita delle lavoratrici e dei lavoratori e che la stessa sicurezza sul lavoro è un fatto prioritario e imprescindibile.
La sicurezza non è un costo, la sicurezza nei luoghi di lavoro è un obbligo di legge nel nostro paese e un fatto di alto valore morale e civile.
In attesa che gli enti competenti e la magistratura svolgano le loro indagini e i dovuti accertamenti ribadiamo fortemente quanto da sempre sostenuto come organizzazione sindacale che il rispetto della Salute e della Sicurezza nei luoghi di Lavoro è un dovere per tutti e un diritto costituzionale!
Cgil Firenze
==========================
Un operaio albanese di 27 anni è morto in un incidente sul lavoro avvenuto a Castelfiorentino (Firenze) mentre sul tetto di un magazzino eseguiva lavori di posa di catrame e improvvisamente ha preso fuoco la copertura. L’operaio si è mosso per evitare il fuoco e a quel punto è precipitato da un’altezza di dieci metri sul piazzale dell’azienda. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, 118 e carabinieri. Inviato anche l’elisoccorso Pegaso ma per l’uomo non c’era più nulla da fare. L’area è stata intanto posta sotto sequestro e stanno operando anche i tecnici della prevenzione dell’Asl Toscana Centro. La salma è stata trasferita all’istituto di medicina legale di Careggi.(ANSA).

  Share: