Meyer, si sbloccano gli scatti per i dipendenti. Fp soddisfatta

Meyer (Firenze), dopo dieci anni di blocco degli scatti i dipendenti potranno beneficiarne: siglato accordo sindacati-Direzione. La Fp Cgil: “Prima risposta per il riconoscimento della professionalità di lavoratrici e lavoratori che tutti i giorni operano garantendo alti livelli di qualità verso i pazienti”

Dopo dieci anni, all’Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer di Firenze, è stato sottoscritto stamani, da tutte le sigle sindacali, un accordo con la Direzione che prevede che nei prossimi tre anni la totalità dei dipendenti potranno fare le progressioni economiche orizzontali.
Con questo accordo – che giunge dopo mesi di iniziative fatte di trattative aziendali, volantinaggi, iniziative di sensibilizzazione verso la Regione Toscana, assemblee che hanno portato nel mese di Maggio a proclamare lo stato di agitazione – si segna un punto di svolta nelle trattative in quanto si sono sbloccate le trattative per la valorizzazione del personale del Meyer. La questione dei mancati scatti infatti costava a un migliaio dei circa 1.300 dipendenti del Meyer da 80 a oltre 100 euro al mese.
Inoltre, grazie alle iniziative messe in campo in questi mesi, i dipendenti del Meyer potranno beneficiare di un progetto, concordato tra parte sindacale e Direzione Aziendale e finanziato dalla Regione Toscana, che valorizzerà l’operato delle lavoratrici e dei lavoratori che grazie alla loro professionalità hanno fatto diventare il Meyer punto di riferimento nazionale per le cure pediatriche.
“In un quadro di regole nazionali ancora bloccato, riteniamo che l’accordo sottoscritto questa mattina sia una prima risposta per il riconoscimento della professionalità di lavoratrici e lavoratori che tutti i giorni operano garantendo alti livelli di qualità verso i pazienti in un sistema sanitario definanziato da troppi anni”, dice la Fp Cgil.

  Share: