Lavoratori UniFi, salari a rischio: il 21 gennaio presidio sotto Palazzo Vecchio

Lavoratori degli appalti (pulizie, vigilanza, front-office) dell’Università di Firenze, stipendi e diritti a rischio: domani martedì 21 gennaio presidio Cgil sotto Palazzo Vecchio (ore 9-11) in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico (a cui interverranno il rettore Dei e il premier Conte)

Le lavoratrici e i lavoratori degli appalti dell’Università di Firenze (front-office, pulizie, vigilanza nei poli Centro Storico, Novoli, Careggi, Sesto F.no), presa visione delle aziende partecipanti alla gara per i servizi di Ateneo, esprimono grande preoccupazione: il bando di gara (diviso in tre lotti), infatti, non garantisce l’applicazione dei contratti in essere ed espone il personale (si tratta di oltre duecento persone) alla perdita di salario e diritti. E’ inaccettabile che tutto ciò avvenga dentro l’istituzione formativa e culturale per eccellenza della Città di Firenze. Tanto più che, per fare un esempio, attualmente il personale che garantisce l’apertura delle Biblioteche Umanistica e delle Scienze Sociali nella fascia oraria serale e del sabato pomeriggio e guadagna 3,98 euro netti l’ora: non si può accettare che il servizio prosegua a queste condizioni, che questo vergognoso precedente, in combinato disposto con le blande tutele previste nel bando, rischi di dimezzare la paga di tutte le altre lavoratrici e lavoratori terziarizzati. Non si può accettare che a ogni cambio appalto si mettano in discussione stipendio, tutele, fino al posto di lavoro stesso, soprattutto in un momento storico in cui le altre amministrazioni pubbliche firmano protocolli virtuosi e avviano buone pratiche di uscita dal sistema degli appalti.
Le lavoratrici e i lavoratori chiedono un incontro con il rettore Dei affinché questi si assuma la responsabilità politica di garantire il mantenimento delle condizioni economiche e normative attuali, valuti la possibilità di aumentare il budget economico relativo ai servizi serali e del sabato pomeriggio per garantire una paga oraria dignitosa, avvii un percorso che, partendo dallo sviluppo di un protocollo a tutela di chi lavora nei servizi dell’università, arrivi alla valutazione di formule alternative e maggiormente tutelanti dell’appalto.
Per tenere alta l’attenzione sulla questione, è stato organizzato un presidio delle lavoratrici e dei lavoratori (con Filcams Cgil e Flc Cgil) domani martedì 21 gennaio sotto a Palazzo Vecchio, in via dei Gondi, dalle ore 9 alle ore 11, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico in Palazzo Vecchio alla presenza del rettore stesso e del premier Conte.

Firmato: Filcams Cgil Firenze

  Share: