Chianti, Cgil inserita nella commissione Pari opportunità

Giuristi, antropologhe, registe, docenti universitarie, storiche dell’arte, studentesse, rappresentanti sindacali. La prima commissione sulle pari opportunità del Chianti apre le porte alla comunità civica e inserisce nel proprio organico dieci residenti a San Casciano, tra cittadine e cittadini, interessati a condividere un’esperienza istituzionale sul tema della cultura di genere.
Si tratta di Silvia Lelli, docente di antropologia culturale, regista, sceneggiatrice, produttrice; Ilaria Billeri, docente di Lingue straniere, etica e bioetica, laureanda in filosofia; Laura Scalia, rappresentante sindacale; Luca Paladini, giurista, ricercatore in Diritto dell’unione europea presso l’università per stranieri di Siena; Maria Nella Lippi, responsabile per le tematiche di genere dell’associazione Oxfam; Paolo Sarti, pediatra, fondatore del progetto “Maschi per obbligo”; Emanuela Rossi, docente di discipline demoetnoantropologiche all’Università di Firenze; Susanna Cialdai, storica dell’arte, archivista, docente di moda e costume; Alessia Lastrucci, studentessa in Scienze dell’Educazione; Chiara Mellini, docente di Lingua italiana, membro dell’associazione Corrente alternata. Nei giorni scorsi il primo incontro nella sala consiliare di San Casciano, coordinato dalla presidente Paola Malacarne e dall’assessore alle pari opportunità Consuelo Cavallini.
La commissione è composta da un gruppo di consiglieri di maggioranza e minoranza del consiglio comunale di San Casciano. “Ci occuperemo di temi che potranno entrare concretamente nella vita delle persone – dichiara l’assessore Cavallini – una prima esperienza per il territorio chiantigiano, composta da consiglieri comunali e cittadini che provengono da diversi ambiti professionali e con svariate competenze”. “Il nostro lavoro – conclude Paola Malacarne – punta a rendere operativo e concreto il dettaglio costituzionale che sancisce la parità di diritti tra tutte le cittadine e tutti i cittadini”.ancisce la parità di diritti tra tutte le cittadine e tutti i cittadini”.
C’è anche la CGIL del Chianti (nella persona della responsabile di zona Laura Scalia) nella commissione pari opportunità del comune di San Casciano: “L’effettivo riconoscimento delle pari opportunità e la valorizzazione delle differenze di genere sono azioni prioritarie per la CGIL e la nostra presenza nella commissione è importante per la rappresentanza del mondo del lavoro”.

(fonte: Gazzettino del Chianti)

  Share: