Eurospin, nuove proteste dei sindacati per le condizioni di lavoro

Mancanze nel rispetto delle norme anti Covid, turni di lavoro massacranti, lavoratori costretti a occuparsi delle pulizie e sostituiti da interinali, dipendenti mandati in missione in altri punti vendita: Eurospin, Filcams Cgil Firenze e UilTucs denunciano le condizioni di lavoro e chiedono il rispetto del Contratto nazionale e delle normative vigenti. “Senza risposte, le mobilitazioni andranno avanti”

Oggi Filcams Cgil Firenze e la UilTucs hanno convocato una conferenza stampa davanti al punto vendita Eurospin Tirrenica di Sovigliana (Vinci), per denunciare all’opinione pubblica le condizioni di lavoro del personale di tutta la catena, dalle mancanze sul rispetto della normativa anti Covid fino al mancato rispetto del contratto nazionale di riferimento (turni di lavoro massacranti, lavoratori costretti a occuparsi delle pulizie e sostituiti da interinali, dipendenti mandati in missione in altri punti vendita). Nell’occasione, i sindacati hanno esposto le proposte (“rispetto del Contratto nazionale e delle normative vigenti”) e annunciato che le mobilitazioni, senza risposte, non si fermeranno. L’iniziativa sta dentro una mobilitazione regionale che oggi ha visto impegnata la Filcams Cgil di ogni provincia toscana con conferenze stampa in parallelo davanti ad un punto vendita Eurospin Tirrenica di ogni territorio.

  Share: