Nuovo incidente sul lavoro per un rider a Firenze, rabbia Cgil e Nidil

A Firenze nuovo incidente sul lavoro per un rider, Cgil e Nidil: “I ritmi di lavoro imposti dall’algoritmo e la paga a cottimo alzano inevitabilmente il livello di rischio. Non è ammissibile rischiare la vita per consegnare un panino. Le istituzioni preposte rafforzino i controlli, la Regione intervenga sull’applicazione delle norme per la sicurezza nel food delivery”

IL REPORTAGE DI FIRENZE TODAY

Un nuovo incidente grave sul lavoro ieri sera in piazza delle Cure a Firenze, dove un rider è caduto ed è stato travolto da un’auto. Ora è in codice rosso all’Ospedale di Careggi.
Contiamo purtroppo tre incidenti in meno di un mese: la settimana scorsa era stato coinvolto un rider in viale Guidoni, sempre a Firenze, mentre a fine gennaio ricordiamo il gravissimo incidente in cui ha perso la vita a Montecatini un rider di Deliveroo.
Questa serie di infortuni sul lavoro non è purtroppo un caso: i ritmi di lavoro imposti dall’algoritmo e la paga a cottimo alzano inevitabilmente il livello di rischio.
Inoltre, le norme introdotte un anno fa con l’estensione ai rider del Testo Unico su salute e sicurezza, da quanto ci risulta, non vengono rispettate in maniera corretta dalle piattaforme e non è possibile per il sindacato effettuare controlli, visto che le società ancora non riconoscono il ruolo dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, nonostante che nel mese di settembre abbiamo proceduto alla elezione di un rappresentante.
Occorre che le istituzioni preposte aumentino il livello di controllo rispetto all’applicazione delle norme e chiediamo in particolare alla Regione di intervenire per vigilare e definire modalità precise di applicazione del Testo Unico nel settore del food delivery operante su piattaforme digitali.
Non è ammissibile rischiare la vita per consegnare un panino.

Firmato: Ilaria Lani (Nidil Cgil) e Elena Aiazzi (Cgil Firenze)

  Share: