Università, cambio appalto alle portinerie: diritti difesi, Filcams soddisfatta

Mantenute le condizioni economico-normative per il personale e resta l’Articolo 18: cambio appalto portinerie Università di Firenze, Filcams Cgil “soddisfatta per aver difeso i diritti acquisiti in questi anni e per aver scongiurato il rischio dell’applicazione di contratti peggiorativi. L’orizzonte comunque sia la reinternalizzazione”

Si conclude con un buon accordo il cambio appalto per il Servizio delle Portinerie dell’Università degli Studi di Firenze, che riguarda 163 tra lavoratori e lavoratrici. Siamo riusciti infatti a mantenere le condizioni economiche e normative precedenti, oltre al mantenimento dell’articolo 18 come trattamento di migliore favore per i lavoratori impiegati sull’appalto.
Si aprirà nei prossimi mesi un tavolo di confronto per l’armonizzazione di alcuni livelli contrattuali e per il monitoraggio delle varie fasi dell’appalto nella prima fase di avvio.
Siamo molto soddisfatti di quanto ottenuto perché da due anni lottiamo, con l’aiuto della Flc Cgil Firenze, con le lavoratrici e i lavoratori di questo appalto per non perdere i diritti acquisiti in questi anni e per scongiurare il rischio, ad esempio, di un peggioramento delle condizioni materiali dei lavoratori attraverso l’applicazione di contratti peggiorativi.
Nonostante l’ottimo risultato ottenuto, rimaniamo comunque convinti che la situazione dei lavoratori esternalizzati debba risolversi tramite un processo di reinternalizzazione del servizio, affinché la si smetta di avere lavoratori di seria A e serie B sullo stesso luogo di lavoro.
Su questo tema rimarremo vigili nei prossimi anni.

Firmato: Filcams Cgil Firenze

  Share: