Mancato rinnovo Contratto Farmacie, presidio di protesta a Firenze

Dipendenti farmacie senza contratto da 8 anni, presidio di protesta a Firenze davanti alla Prefettura. Filcams Cgil e Uiltucs: “Il rinnovo del contratto è una priorità non più rinviabile”

“I dipendenti delle farmacie, quelle private e quelle speciali – le comunali fra queste – aspettano il rinnovo del loro contratto rispettivamente da 8 e 6 anni. Anni senza contratto e senza aumenti salariali corrispondenti, l’impegno anche di fronte al pericolo, oggi la disponibilità ad offrire un contributo al paese e alla soluzione della complessa emergenza sanitaria; tutto questo deve essere riconosciuto al di là della retorica dei ‘nuovi eroi’”: lo hanno scritto, in una lettera al Prefetto di Firenze Alessandra Guidi, Stefano Nicoli e Marco Conficconi, segretari generali di Filcams Cgil e UilTucs Toscana, che oggi hanno svolto un presidio davanti alla Prefettura di Firenze.
“In questi giorni – hanno aggiunto – si avvia la nuova, importante iniziativa della vaccinazione in farmacia. Già moltissimi lavoratori hanno aderito all’invito dell’ordine professionale e si sono iscritti ai corsi per i farmacisti vaccinatori. Ma tutto questo senza che siano stati riconosciuti alcuni diritti che riteniamo minimi: il rinnovo del contratto nazionale, la definizione di polizze assicurative che offrano tutela contro i rischi connessi all’esecuzione delle vaccinazioni in farmacia ed infine anche la corretta remunerazione dell’atto professionale”. Poiché “il rinnovo del contratto è una priorità non più rinviabile”, Filcams e UilTucs hanno chiesto al Prefetto “un fattivo intervento”.

  Share: