Giga Cucine (Scandicci), sciopero e presidio. “Sottoscrivere l’intesa”

Scandicci (Firenze), sciopero e presidio ai cancelli di Giga Grandi Cucine: “Teniamo alta l’attenzione”. Fiom Cgil, Regione e Comune compatti: “Accordo definito, il 2 febbraio si firmi”. Nelle scorse ore la notizia delle dimissioni della liquidatrice, “ma in 72 ore di trattative è stata raggiunta un’intesa che va soltanto sottoscritta”. Cinque le manifestazioni d’interesse già arrivate

Presidio davanti ai cancelli per i 47 lavoratori della Giga Grandi Cucine Srl di Scandicci “per tenere alta l’attenzione su questa vicenda ad una settimana dal 2 febbraio”, data fissata per la firma dell’intesa la cui bozza prevede tra l’altro la cassa per cessazione, una dote per la reindustrializzazione, per i pensionamenti e per la formazione dei dipendenti. E’ di queste ore la notizia delle dimissioni della liquidatrice che ha partecipato per la proprietà Middleby Corporatione alla trattativa.
Al presidio dei lavoratori erano presenti il Sindaco Sandro Fallani, il delegato della Presidenza della Regione Toscana per le crisi aziendali Valerio Fabiani, l’assessore allo Sviluppo economico del Comune di Scandicci Andrea Franceschi, Iuri Campofiloni di Fiom Cgil. “In 72 ore di trattative è stata raggiunta un’intesa che va soltanto sottoscritta”, è la posizione unitaria di istituzioni e sindacati.
“Ci siamo lasciati all’inizio di gennaio a un passo dall’accordo, con l’intesa sulla parte economica, sulla durata, sulla cassa per cessazione, di fatto con un accordo su tutto – dice l’assessore allo Sviluppo economico del Comune di Scandicci Andrea Franceschi – ci siamo fermati per gli ultimi dettagli, da lì si riparte, ora ci vediamo il 2 febbraio, l’8 poi ci sarà la cessazione dell’attività; noi puntiamo a finalizzare in maniera corretta e positiva per i lavoratori, per l’azienda e per la reindustrializzazione di un sito produttivo che è fondamentale per la nostra città, quello che ci siamo detti nel corso di questi mesi quando abbiamo fatto una trattativa di oltre 70 ore; nell’accordo si punta ad avere la cassa per cessazione, una dote per la reindustrializzazione, per i pensionamenti e per la riformazione dei dipendenti. Di fatto grazie all’impegno di istituzioni e sindacati sono già state fatte cinque manifestazioni d’interesse per questa azienda, l’accordo punta a fare in modo che ci sia questa possibilità”.
Iuri Campofiloni, Fiom Cgil: “Oggi abbiamo dichiarato due ore di sciopero con presidio per ribadire che indipendentemente dalla composizione della controparte, quindi indipendentemente che ci sia o non ci sia un cambio del liquidatore, noi dopo 72 ore di trattativa e 110 giorni di procedura cominciata il 5 ottobre 2021, abbiamo raggiunto un’intesa che va solamente sottoscritta. Quell’intesa è già stata votata dai lavoratori, quindi non c’è da ripartire da capo, c’è semplicemente da dare gambe a quello che è stato concordato al tavolo, dove era presente anche la proprietà Middleby; il 2 febbraio vogliamo che venga firmato quell’accordo e che si apra le seconda fase più importante, che è la verifica dei cinque soggetti che hanno manifestato interesse nel rilevarla. Non c’è da fare altro, se questo non avviene valuteremo altri percorsi con i nostri legali in altre sedi”.
“Dopo più di 70 ore di trattativa anche noi pensiamo che ci siano i presupposti per raggiungere un accordo”, ha detto Valerio Fabiani, delegato della Presidenza della Regione Toscana per le crisi aziendali, “anche perché rammento che il mancato accordo, secondo i conti che abbiamo fatto, costerebbe all’azienda perlomeno il doppio di quello che costa loro l’accordo su cui abbiamo lavorato. Questa decisione, che naturalmente non compete a noi, di sostituire la liquidatrice che avevano nominato a poche ore da una nuova riunione del tavolo regionale e a pochi giorni dalla fine della procedura, è in effetti piuttosto singolare; speriamo che non impatti negativamente sulla trattativa che abbiamo fatto perché dal nostro punto di vista non c’è più tempo e non c’è più spazio per trattare. Non si può fare la mediazione della mediazione”.

  Share: