Serrata degli alberghi, la condanna Filcams. “Serve la Cig Covid”

Serrata degli alberghi a Firenze, Maurizio Magi (Filcams Cgil): “Iniziativa illegittima e fuori luogo che porta gravi conseguenze ai lavoratori del settore. Invitiamo piuttosto le associazioni datoriali e le istituzioni a chiedere con noi al Governo la proroga degli ammortizzatori sociali Covid”

Abbiamo appreso dalla stampa dell’iniziativa di serrata che il proprietario degli hotel Torre Guelfa e Pendini di Firenze intenderebbe mettere in atto nei prossimi giorni, insieme a numerose altre strutture ricettizie della città.
Il disagio e financo la disperazione dei datori di lavoro di un settore profondamente in crisi come quello alberghiero, specie in una città d’arte come Firenze, inviluppata purtroppo in questi anni in una sorta di monocultura turistica, è degno di rispetto e va compreso.
Iniziative di questo tipo tuttavia non possono non essere condannate senza se e senza ma, in quanto chiaramente illegittime e portatrici di gravi conseguenze sui lavoratori che si vedrebbero privare di quanto è loro contrattualmente dovuto.
Lungi da rincorrere azioni che non possiamo in ultima istanza non definire fuori luogo, e che ci ricordano di scioperi fiscali per fortuna solo vagheggiati qualche tempo fa, invitiamo piuttosto le associazioni datoriali fiorentine tutte del settore a replicare, insieme alle organizzazioni sindacali territoriali e, auspicabilmente, alle istituzioni della città, ciò che, a livello nazionale, è già stato più volte messo in atto in questi giorni, e cioè la richiesta formale congiunta al Governo di una proroga degli ammortizzatori sociali con causale Covid almeno fino al 30 giugno 2022.
Ciò al fine di passare con gradualità al nuovo sistema di ammortizzatori universali in vigore dal 1’ gennaio che certamente necessiterà di approfondimento oltre che di indicazioni operative, garantendo in questo modo la continuità occupazionale ai lavoratori impiegati, preservando le professionalità del settore e consentendo così la ripresa delle attività in sicurezza quando la fase di picco della pandemia sarà superata.
Di questo e non di altro abbiamo tutti bisogno e per questo noi, non da oggi, siamo ovviamente pronti e disponibili.

Firmato: Maurizio Magi, segretario generale Filcams Cgil Firenze

  Share: