Tpl, lo sciopero e il presidio a Firenze

Trasporto pubblico locale, oggi sciopero di 24 ore per il rinnovo del Contratto nazionale. Presidio a Firenze, in Toscana alta adesione (interessati 6mila lavoratori). Lettera agli utenti di Filt Cgil-Fit Cisl-UilTrasporti-Faisa: “Siamo consapevoli che ogni giornata di sciopero è un pesante sacrificio per i cittadini utenti ma allo stesso tempo rivendichiamo il giusto adeguamento salariale e insieme la sicurezza e il diritto a un servizio di qualità per tutti. La Regione intervenga”

Oggi sciopero nazionale di 24 ore di tutto il settore del trasporto pubblico locale, in Toscana interessati autobus e la tramvia di Firenze. Un’agitazione indetta da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal per protestare contro il rifiuto delle associazioni datoriali Asstra, Agens e Anav di entrare nel merito di una reale trattativa per il rinnovo del contratto collettivo nazionale Autoferrotranvieri Internavigatori (Mobilità Tpl) e per il miglioramento delle condizioni lavorative, sia normative che salariali. Alta l’adesione allo sciopero in Toscana: nel turno della mattina, media regionale al 75%, con punte oltre il 90% a Pisa, Firenze e Grosseto. Lo sciopero si è reso necessario, per i sindacati, per dare a cittadini e lavoratori un trasporto pubblico più sicuro, di qualità, accessibile per tutti. Ma anche per garantire un salario più dignitoso, che dia futuro ai giovani e salvaguardi i più anziani. “Siamo consapevoli che ogni giornata di sciopero è un pesante sacrificio per i cittadini utenti e i disagi sono ancora più pesanti a livello territoriale ma allo stesso tempo rivendichiamo il giusto adeguamento salariale per circa 6000 lavoratori impiegati in Toscana in questo settore e insieme la sicurezza e il diritto a un servizio di qualità per tutti i cittadini. Per questo chiediamo l’intervento della Regione presso la Conferenza Stato Regioni e il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili”. Stamani si è tenuto un presidio di sindacati e lavoratori a Firenze sotto la sede della Prefettura (dove poi è stata ascoltata una delegazione di sindacalisti). Analoghe iniziative si sono svolte negli altri capoluoghi della Toscana.

Gentile Cittadino,
fin dall’inizio di questa pandemia i Lavoratori del Trasporto Pubblico Locale non hanno mai smesso di essere al Tuo fianco. Hanno sempre garantito il Tuo Diritto Costituzionale alla Mobilità anche nei momenti peggiori, quando cioè lavorare significava essere esposti al contagio, a rischio quindi della propria salute, dimostrando un forte senso del dovere. Questi sono le tranviere ed i tranvieri che ogni giorno accompagnano i nostri cari al lavoro ed a scuola. OGGI SIAMO STATI COSTRETTI A SCIOPERARE NUOVAMENTE CREANDO NOTEVOLE DISAGIO, E VORREMMO SPIEGARTENE LE RAGIONI. Da anni chiediamo riforme al fine di rendere il servizio efficiente e moderno; migliore sia dal punto di vista della qualità sia della quantità, che dia risposte alle esigenze degli Utenti ed al contempo possa diventare davvero un’alternativa al trasporto privato che inquina e degrada le nostre città ed il nostro ambiente.
Chiediamo anche di migliorare la qualità di vita e le condizioni di lavoro degli addetti che hanno orari di impiego pesantissimi alla guida di mezzi quasi sempre vetusti, in strade impossibili ma con un salario ormai insufficiente a fronte della loro accresciuta responsabilità penale prim’ancora che professionale.
Non a caso non si trovano più persone disponibili a svolgere il nostro lavoro.
Se per le riforme occorre un cambio di mentalità e di prospettiva della politica verso il Trasporto Pubblico che preveda risorse e programmazione per un cambiamento concreto, per le condizioni normative e salariali degli addetti la soluzione passa attraverso il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di categoria che è scaduto da oltre 4 anni! Ebbene, ad oggi le controparti offrono un rinnovo…per se stesse a costo zero…senza alcun tipo di aumento salariale per i Lavoratori! Per il Sindacato questa posizione è inaccettabile in considerazione delle ingenti risorse pubbliche già stanziate a favore delle aziende: 3 miliardi di Euro per mancati ricavi da traffico – 1 miliardo per incremento Fondo Nazionale Trasporti – altre risorse per il servizio aggiuntivo delle scuole – ricorso agli ammortizzatori sociali per gli anni 2020-21.
IL DISAGIO DI OGGI SERVE PER AVERE UNA RETE DI TRASPORTO PUBBLICO PIU’ EFFICIENTE, CAPILLARE ED AFFIDABILE DOMANI, RICONOSCENDO AI LAVORATORI DEL SETTORE IL GIUSTO COMPENSO PER LA LORO COSTANTE DEDIZIONE.
TI CHIEDIAMO DI SOSTENERE LA NOSTRA MOBILITAZIONE, DA DOMANI SAREMO DI NUOVO AL TUO FIANCO CONTINUANDO AD ASSICURARTI IL DIRITTO ALLA MOBILITA’.

Firmato: Segreterie Regionali Toscana FILT CGIL – FIT CISL – UILTRASPORTI – FAISA CISAL

  Share: