Superano il concorso ma il Comune non li assume: la denuncia Fp Firenze

Hanno superato il concorso ma il Comune di Firenze non li assume e le graduatorie sono in scadenza: la Fp Cgil lancia l’allarme per 91 educatori di asilo nido e 17 insegnanti della scuola dell’infanzia. “Inaccettabile, l’amministrazione faccia queste assunzioni e investa sul settore per migliorare servizi e lavoro, anche reinternalizzando”

Hanno superato il concorso, sono entrati in graduatoria ma non sono stati assunti. E ora a breve scadranno le graduatorie. È la situazione che riguarda 91 educatori di asilo nido e 17 insegnanti della scuola dell’infanzia che avevano superato un concorso del Comune di Firenze nel 2019: la graduatoria degli insegnanti doveva scadere a giugno ma grazie all’ultimo decreto milleproroghe arriverà a settembre 2023, mentre quella degli educatori scadrà nel novembre prossimo, a meno di un nuovo intervento normativo che la proroghi.
“Queste persone hanno superato difficili prove concorsuali e ora con le graduatorie in scadenza rischiano di non essere mai assunte. È inaccettabile: sono assunzioni che il Comune può fare se realmente vuole rilanciare il settore infanzia”, tuona la Fp Cgil (stamani si è svolta sul tema una conferenza stampa in Camera del lavoro a Firenze). Che aggiunge: “Da tempo chiediamo di prevedere maggiori assunzioni nel settore: nei nidi per rivedere ed implementare gli organici, visto anche l’enorme aumento del carico di lavoro dal punto di vista amministrativo con il ‘progetto referenze’ fortemente voluto dal Comune, progetto che toglie prezioso tempo al lavoro con i bambini. Ma le assunzioni servono anche nelle scuole dell’infanzia, avviando un percorso di reinternalizzazione delle scuole attualmente appaltate per metà tempo alle cooperative sociali, esaurendo l’attuale graduatoria per insegnanti e prevedendo nuovi concorsi dove venga valorizzata l’anzianità di servizio per chi ha lavorato in questi anni nell’appalto e parteciperà ai prossimi concorsi. Ma chiediamo anche che i prossimi nidi che il Comune aprirà – Cascine ed Arcovata – siano a gestione diretta con personale comunale”.
La Fp Cgil lancia anche una proposta all’amministrazione comunale: “Il Comune di Firenze potrebbe concedere le due graduatorie in questione ad altri Comuni, che risparmierebbero soldi pubblici non dovendo fare nuovi concorsi e si darebbe una risposta agli educatori e agli insegnanti idonei in graduatoria. Vogliamo una progettazione seria e a lungo termine per il settore infanzia del Comune di Firenze, progettazione che preveda un incremento dei servizi con personale comunale, per migliorare il livello dei servizi a gestione diretta e di conseguenza anche il sistema integrato dei servizi all’infanzia nel nostro territorio”.

Firmato: Jacopo Geirola, Fp Cgil Firenze

  Share: