Cohousing con servizi per anziani, Cgil-Cisl-Uil Firenze: “Direzione giusta”

Cohousing per anziani a Montedomini (Firenze, 40 appartamenti con servizi sociosanitari), Cgil-Cisl-Uil: “Un modello diverso di assistenza, un primo passo nella giusta direzione”

Si concretizza finalmente un importante intervento che risponde alle richieste e pressioni esercitate sulle istituzioni dai sindacati fiorentini. Il sindaco Nardella e l’assessore Funaro hanno presentato, nell’ambito del progetto di riorganizzazione di Montedomini, il primo progetto di co-housing destinato agli anziani.
Un modello diverso di assistenza agli anziani, che risponde a quanto previsto dalla piattaforma nazionale presentata, nel Novembre 2020, da Cgil, Cisl e Uil unitamente ad un folto gruppo di associazioni della società civile, in cui veniva chiesta una profonda riforma dell’assistenza agli anziani ed ai non autosufficienti in generale.
In quella piattaforma, ripresa anche dalla Commissione Paglia, si riafferma il diritto di ogni persona di vivere e curarsi a casa propria con interventi per favorire la permanenza al proprio domicilio: abitare assistito, co-housing, gruppi di appartamento con adeguata assistenza socio-sanitaria domiciliare, utilizzando a tal fine anche in centri diurni e semiresidenziali.
Cgil, Cisl e Uil chiedevano e chiedono ancora la riqualificazione, il ridimensionamento, la programmazione appropriata delle strutture di ricovero, con l’obiettivo di superare i grandi istituti e di creare piuttosto nuclei piccoli inseriti nel tessuto urbano e quindi parte integrante della comunità.
Consideriamo quindi questo primo intervento solo il primo passo per creare in tutti i quartieri della città ed in tutti i comuni della città metropolitana strutture simili, nonché per costituire strutture analoghe per i non autosufficienti formate da piccoli nuclei inseriti nel tessuto urbano e parte integrante della comunità. E necessario che tali strutture siano collegate con la rete dei servizi socio-sanitari prevista da PNRR superando gradualmente la scelta effettuata molti anni fa di affidare quasi esclusivamente alla gestione privata le strutture per anziani.

CGIL FIRENZE Giancarla Casini, CISL FIRENZE Marco Bucci, UIL FIRENZE Piero Rubbioli

  Share: