Empolese, l’Unione Comuni assume vigili. La Fp: “Primo passo”

Empolese: l’Unione dei Comuni assume vigili, dopo la mobilitazione del sindacato sulle carenze di personale nell’ente. La Fp : “Il primo passo di una serie di impegni”. Si tratta della prima ’tranche’ di inserimenti chiesti dai sindacati e concordati per il biennio appena iniziato

IL CRONOPROGRAMMA DI INTERVENTI SUL PERSONALE

Quattro nuovi agenti di polizia municipale in arrivo. È il primo atto di una serie di impegni, chiesti in precedenza dai sindacati, presi dall’Unione dei Comuni dell’Empolese Valdelsa. Le prime tre divise a tempo indeterminato sono entrate a far parte dell’organico già da oggi; la quarta, invece, prenderà servizio a partire dal 5 aprile. E queste non saranno le uniche nuove immissioni nel corpo della Municipale. Secondo una prima bozza di cronoprogramma, l’ente di piazza della Vittoria ha intenzione di implementare i ranghi della polizia municipale con altre assunzioni che verranno fatte sempre nel corso di quest’anno e di completare il piano, che è stato a suo tempo messo a punto, nel corso del 2023. “È il primo atto di una serie di impegni che abbiamo chiesto di mettere nero su bianco”, commenta su La Nazione Giuseppe Iorio di Fp Cgil.
Durante l’ultimo incontro che si è svolto il 31 gennaio scorso in prefettura a Firenze per la procedura di conciliazione (preceduta dallo stato di agitazione indetto da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl Firenze per le carenze di personale nell’ente), i rappresentanti sindacali avevano chiesto all’Unione un documento che contenesse gli impegni relativi all’assetto organizzativo, ed il programma delle assunzioni con le relative scadenze, in modo da rendere evidenti e conosciute a tutti i dipendenti le intenzioni e le effettive volontà che l’amministrazione intende perseguire.
Dichiarano ora Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl Firenze: “La situazione degli ultimi 5 mesi è stata difficile e dal punto di vista sindacale la peggiore possibile. Senza riferimenti nella delegazione trattante, senza un tavolo sindacale, senza contrattazione, senza interlocutori per le questioni del personale, senza risposte su questioni anche semplici e per certi aspetti banali. Nel confronto davanti al Prefetto abbiamo sottolineato la necessità di prendere atto di quanto avvenuto ed abbiamo impegnato l’amministrazione ad adottare scelte e misure che evitino nel futuro e per sempre di potersi ritrovare in condizioni simili ancora una volta. Considerata la situazione complessiva e le reali possibilità economico finanziare dell’Unione al momento, abbiamo ottenuto un cronoprogramma relativo alle assunzioni sia degli uffici trasversali che della polizia municipale, che ad oggi rappresentano il massimo obbiettivo tenuto conto dei numeri e dei vincoli di legge che l’amministrazione deve in ogni caso rispettare. Per quanto concerne gli Assistenti sociali stiamo verificando le modalità ed i percorsi per accedere concretamente e quanto prima ai finanziamenti per le assunzioni in deroga alle regole sulle ordinarie capacità assunzionali”.

 

  Share: